skip to Main Content

Il danneggiato ha diritto all'integrale risarcimento del danno

Legge Concorrenza

LA CARTA DI BOLOGNA

No alla rottamazione dei diritti dei danneggiati.

Più diritti, più concorrenza, più risparmio, più sicurezza.

I numeri di Federcarrozzieri
0
REGIONI D'ITALIA
0
CARROZZERIE ISCRITTE
Oxigencar-federcarrozzieri
La piattaforma di lavoro condivisa
Il blog del carrozziere Italiano
Back To Top

Decreto coronavirus dopo il discorso di Conte dell’11 marzo:
i carrozzieri possono restare aperti.

Nel suo discorso di mercoledì 11 marzo, Conte ha dato un’ulteriore stretta contro il coronavirus: negozi chiusi, in particolare. Lo fisserà il decreto. Il premier non ha fatto riferimento esplicito agli autoriparatori.
Domanda: i carrozzieri possono restare aperti? Sì.
Sulla scorta delle indicazioni del Governo, sì. Restano aperti i carrozzieri, così come meccanici e benzinai, artigiani, edicole, fra gli altri. Non ci sono restrizioni per trasporti e logistica; inoltre, le auto circolano. Meno, ma viaggiano.

Ovviamente, i carrozzieri devono adottare tutte le precauzioni del caso. I clienti vanno invitati a restare fuori dall’officina. E comunque, i carrozzieri devono mantenere le distanze corrette dai clienti, e imporre che all’interno della stessa carrozzeria gli addetti lavorino alla distanza giusta. In quanto all’automobilista, per spostarsi verso la carrozzeria e per tornare a casa dalla carrozzeria, deve avere l’autogiustificazione.

Per i carrozzieri, i tempi non erano dei migliori prima dell’epidemia coronavirus. Ora, con la pandemia del Covid-19, le cose peggiorano. Anche perché il settore non ha veri ammortizzatori sociali. Comunque, i riparatori aderenti a Federcarrozzieri seguiranno alla lettera tutte le nuove disposizioni, così come le vecchie. Ne usciremo.

Il Direttivo Federcarrozzieri